.

Home page

 

Via Fabio Filzi, 5 - 25128 Brescia       [Mappa stradale]

 
 
 
 
 
 

 

 

- RUBRICA LITURGICA

 

La festa dell’Immacolata s’inserisce nel contesto liturgico dell’Avvento-Natale, periodo particolarmente adatto al ....

Continua »    

 

Avvento 2018
Andiamo incontro al Signore

che viene.
Nei riti cristiani occidentali l'Avvento segna l'inizio del ....

Continua »  

 

Solennità di Cristo Re.
Nella Chiesa cattolica, Cristo rappresenta il Re dell’Universo a cui tutti gli uomini e le altre creature sono ....

Continua »

 

Presentazione della B. V. Maria al tempio.
La Presentazione della B. V. Maria è una memoria liturgica della Chiesa cattolica che ricorda la ...

Continua »

 

 

- NOTIZIARIO 2017-2018

 

68ª Giornata Nazionale del Ringraziamento.
Il titolo del Messaggio, ispirato al Libro della ....

Continua » 

 

 

 

IMMACOLATA CONCEZIONE

 

 

 

 

 


Andiamo incontro al Signore

che viene.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

- AVVISI DELLA SETTIMANA-

 

DICEMBRE 2018
 


Sabato 8 dicembre -Solennità dell’Immacolata.

SS. messe ad orario festivo.

È sospeso il Catechismo dei ragazzi delle 14:30.


Martedì 11
-Alle ore 20:45, in oratorio, incontro di preparazione spirituale al Natale.

Giovedì 13 - sabato 15 e domenica 16, sul sagrato, bancarella floreale per raccogliere fondi per il Punto Comunità di via Trento 64/A.

Venerdì 14
-Alle 15.00, presso il Punto Comunità di via Trento 64/A, incontro sull’educazione alimentare con la dietista Sonia Lazzaro.

Sabato 15
-Alle 14:30, in oratorio, incontro per i genitori e i bambini del 1° anno e per i genitori del 2° anno del nuovo cammino d’iniziazione cristiana.

Domenica 16
-Alle ore 11:00, in oratorio, le confessioni per i ragazzi delle medie.

 

 

 

LOCANDINE EVENTI

 

                GENNAIO                                                             DICEMBRE

-----

L

M

M

G

V

S

D

 

L

M

M

G

V

S

D

 

 

1

2

3

4

5

-----

6

-----

 

 

 

 

 

 

 

 

1

2

7

 

8

9

10

11

12

-----

13

-----

 

3

4

5

6

7

8

9

14

15

16

17

18

19

-----

20

-----

 

10

11

12

13

14

15

16

21

22

23

 

24

25

26

-----

27

-----

 

17

18

19

-----

20

21

22

23

28

29

30

31

 

 

 

 

24

25

 

26

27

 

28

 

29

30

 

 

 

 

 

 

 

31

 

 

 

 

 

 

 

 

 

SANTO  BRESCIANO DEL MESE

 dicembre

 

SANT'OBIZIO DI NIARDO, od Obizzo eremita.
Nato a Niardo (BS), mori a Brescia, nel 1204/1206.
Canonizzato nel Giubileo del 1600.


Nasce da una famiglia agiata. Il padre, conte del luogo Graziadeo, è governatore della Valcamonica.
Obizio non intraprende subito la carriera ecclesiastica ma
fu addestrato fin da fanciullo nell'arte bellica e partecipò giovanissimo alle battaglie tra i bresciani ed i cremonesi.
Ancora giovane, prende moglie, da cui avrà quattro figli.
Il 7 luglio 1191, partecipò alla battaglia di Rudiano sull'Oglio, si trova a combattere quella che sarà l'ultima battaglia della sua carriera militare. Durante un contrasto con i bergamaschi, finisce nel fiume e rimase intrappolato dalle travi di un ponte che era caduto sotto il peso dei soldati. dopo lunghe ore riuscì a farsi liberare da un passante, tratto a riva perde conoscenza ma ha una visione dell'inferno e le sue orribili pene. Dopo questa esperienza prese la decisione d'abbandonare le armi e dedicarsi ad una vita religiosa di penitenza e d'orazione. Cavaliere e guerriero preferì la vita eremitica. Inizialmente, questo proposito è ostacolato dalla moglie e dai figli che tentano, in tutti i modi, di distoglierlo da questa decisione, Obizio, però, è irremovibile. Anzi, inizia un'opera di convincimento perché i suoi familiari lo comprendano e lo imitino. Le sue preghiere, tramutano la moglie e i figli da ostili a sostenitori. Addirittura, i suoi due ultimi figli, diverranno religiosi.
Obizio dovrà attendere ancora parecchi anni prima di potersi consacrare interamente a Dio; anni trascorsi in completa povertà, dedicandosi ad innumerevoli opere di bene. Passò ogni bene alla sposa, distribuì i suoi averi ai più bisognosi e si dedicò completamente a Dio.
Fece lunghi pellegrinaggi in tutta l'alta Italia. Nel 1197, ottenuti i consensi necessari, è ammesso come oblato nel monastero di Santa Giulia a Brescia. Dopo sei anni di vita penitente in questo luogo morì sulla nuda terra e fu sepolto nel chiostro del convento di Santa Giulia.
Tra il 1526 ed il 1528 il Romanino dipinse le storie della sua vita nella chiesa di San Salvatore a Brescia, all'interno e all'esterno della cappella a lui dedicata.
Quando il monastero di Santa Giulia venne soppresso nel 1797 la comunità di Niardo reclamò le reliquie del suo santo, le quali sono ora custodite nell'altare della parrocchiale.
Patrono di Niardo (BS)


Ricorenza: 6 dicembre.
A Niardo viene festeggiato la prima domenica di maggio assieme a San Costanzo e al Beato Innocenzo da Berzo. Nelle solenni celebrazioni i Corazzieri di Sant'Obizio scortano l'urna delle reliquie per le vie del paese.

 

 

 

 

 

 

Frase presa dai discorsi o omelie di Papa Francesco:

La storia ci insegna che i regni fondati sul potere delle armi e sulla prevaricazione sono fragili e prima o poi crollano. Ma il regno di Dio è fondato sul suo amore e si radica nei cuori – il regno di Dio si radica nei cuori –, conferendo a chi lo accoglie pace, libertà e pienezza di vita.

Angelus in Piazza San Pietro

Domenica 25 novembre 2018