.

Home page

 

Via Fabio Filzi, 5 - 25128 Brescia       [Mappa stradale]

 
 
 
 
 
 

 

 

- RUBRICA LITURGICA

 

Giornata Mondiale del Malato
La celebrazione annuale della «Giornata Mondiale del Malato» ha lo scopo di sensibilizzare il ....

Continua »  

 

Presentazione di Gesù al Tempio o Candelora.
La festa incentra la nostra attenzione di credenti nell’umile gesto della presentazione di ....

Continua »  

 

 

- NOTIZIARIO 2017-2019

 

Messaggio del Santo Padre Francesco per la 27° Giornata Mondiale del Malato.

«Gratuitamente avete ricevuto, gratuitamente date» (Mt 10,8)

 

Leggi il messaggio

 

 

 

 

B. VERGINE di Lourdes

 Giornata del malato

 

 


 

 

 

  Nuovo numero del bollettino parrocchiale "Il REGNO"

 

 

- AVVISI DELLA SETTIMANA-

 

FEBBRAIO 2019

 

Giovedì 21
-Alle 18,00 presso “Il folle volo” via Trento 64/A : ”La Repubblica democratica del Congo: quali interscambi con l’Italia? Padre Gianni Brentegani saveriano.

Sabato 23
-Alle 14,30 in oratorio incontro per i genitori del 3° anno e per i genitori e i bambini del 1° anno del nuovo cammino d’iniziazione cristiana.
 

 

 

 

 

LOCANDINE EVENTI

 

                 MARZO                                                                FEBBRAIO

-----

L

M

M

G

V

S

D

 

L

M

M

G

V

S

D

 

 

 

 

 

1

2

3

-----

 

 

 

 

 

 

 

1

2

3

4

 

5

6

-----

7

8

9

10

 

4

5

6

7

8

9

10

11

12

 

13

14

15

16

17

 

11

12

13

14

15

16

17

18

19

20

 

21

22

23

24

 

18

19

20

21

22

23

24

25

26

27

 

28

29

30

31

 

25

26

 

27

28

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

I SANTI LAICI

SANTO DEL MESE DI FEBBRAIO

 


S GIROLAMO MIANI (Emiliani) -fondatore dei Somaschini
Venezia 1486 - Somasca di Vercurago, Lecco 1537
Il santuario di San Girolamo Emiliani a Somasca di Vercurago, elevato a basilica da papa Giovanni XXIII nel 1958, fu costruita dopo la morte di Girolamo su una preesistente chiesetta, per custodire la Sua tomba e quella dei primi compagni. All’interno, si venerano in un’urna le ossa del Santo. Canonizzato da Clemente XIII nel 1767.
Girolamo Miani, rampollo di una nobile famiglia, da giovane intraprese la carriera militare al servizio della Repubblica di San Marco. Dopo una giovinezza violenta, lussuriosa, fu gettato in carcere nel 1511 dai nemici. La sua vita da laico venne come «rifondata» nella notte del 27 settembre 1511, quando, dopo un sincero voto di cambiare condotta, fatto alla Madonna Grande di Treviso, per intercessione della Madre di Dio si trovò liberato dai ceppi della prigionia, poi consegnati da lui stesso all’altare della Vergine.
Colpito dalla condizione dei poveri durante la peste del 1528, dedica tutta la sua vita al loro servizio.
Provocato dalla povertà dilagante a Venezia, distribuisce i beni di famiglia ai derelitti e si avvicina all’opera caritativa di san Gaetano da Thiene. Quindi si consacra a Dio da laico e inizia a raccogliere orfani per sfamarli ed educarli nella sua scuola-bottega. Si stabilisce infine nel paesino di Somasca insieme ad altri compagni, alcuni dei quali sacerdoti, Fondando la Società dei Servi dei poveri, poi detti padri Somaschi. un’opera che continua ancora oggi, in Italia, ed in vari altri paesi; con l’intento di dedicarsi ai disagi sociali trascurati dalla società civile: orfani, prostitute e malati terminali.
Si dedicò, quindi, appieno, a tutti i miserabili, Essi intuirono il ruolo di promozione sociale delle scuole e ne aprirono di gratuite con un metodo pedagogico innovativo.
Girolamo fu tra i primi a occuparsi del recupero delle prostitute e un autentico imprenditore della carità: «Inventò, già nel Cinquecento, le prime scuole professionali. Pensava che ai ragazzi poveri si dovesse dare dignità anche con un mestiere per mantenersi».
Si prodigò in una carestia ed in un'epidemia di peste a Verona, Brescia, Como e Bergamo. Girolamo, contrasse il morbo mentre assisteva dei malati a Somasca e morì mentre assisteva i malati di peste.
Attributi: Libro, cranio, crocifisso, chiavi
Patronato: Orfani, Gioventù abbandonata

Ricorrenza: 8 febbraio

 

 

 

Frase presa dai discorsi o omelie di Papa Francesco:

Servire il Signore significa ascoltare e mettere in pratica la sua parola. È la raccomandazione semplice, essenziale della Madre di Gesù, è il programma di vita del cristiano.

Angelus in Piazza San Pietro

20 gennaio 2019